SONO FELICE DI AVER TRASMESSO LA MIA PASSIONE A QUESTI RAGAZZI DELLA 5^ C DELLA SCUOLA ELEMENTARE “I.CALVINO” DI GIANOLA DI FORMIA

SONO FELICE DI AVER TRASMESSO LA MIA PASSIONE A QUESTI RAGAZZI DELLA 5^ C DELLA SCUOLA ELEMENTARE “I.CALVINO” DI GIANOLA DI FORMIA

È stato un progetto , fortemente voluto dalle insegnanti Rosanna Fico e Silvana Tanzi, che mi ha visto coinvolto per due lezioni in aula ed una mattinata intera tra visita al Cisternone e ai vicoli di Castellone con tappa finale per all’area archeologica del Porto Caposele.
Ho mostrato loro ciò che resta del Teatro Romano, torri e stemmi su portali medievali di Castellone risalenti al 1743, abbiamo visitato il luogo dove era situato il Tempio dedicato alla Triade Capitolina.
Ho stimolato il loro interesse nel riscontrare arcate di epoca romana e mura poligonali parzialmente nascoste sotto intonaci medievali .

Sono rimasto stupito di fronte alla loro determinazione e alla loro forte capacità di rapido
apprendimento.

Ho insegnato loro come ricercare, nel modo più veloce , tutto ciò che ho scritto, in questi ultimi otto anni, sulle mie pagine di storia formiana.

Mi ha fatto commuovere quanto scritto dai ragazzi su una targa che mi è stata donata nel momento in cui ci siamo salutati dopo l’arrivo dei loro genitori :

“Ad una persona speciale che ci ha fatto scoprire Formia.
Ci ricorderemo di te e di ciò che ci hai insegnato.
Non dimenticheremo, non dimenticarci “

Targa che conserverò gelosamente con parole che mi hanno provocato un senso di felicità che è impossibile descrivere !!!!

Pertanto, e con piacere, ho promesso che seguirò il loro percorso scolastico, relativamente alla storia di Formia, anche per i prossimi anni, ovviamente se saranno d’accordo i loro futuri insegnanti.

Spero, altresi, di continuare la collaborazione con il Plesso scolastico “l.Calvino” di Gianola .

Ringrazio le insegnanti sopra menzionate, Vito Auriemma e la guida del ” Sinus Formianus ” , archeologa Martina Carpino , che ci ha accompagnato all’interno di questa antica struttura idraulica pervenutaci intatta dal mondo romano.

Raffaele Capolino

IL VINO PRODOTTO DALLA “VINICOLA CENATIEMPO – FORMIA “

Nella seconda metà del secolo scorso l’azienda vinicola di Formia , gestita dalla famiglia “Cenatiempo ” , produsse i seguenti vini:

  • Cecubo
  • Falerno
  • Sorriso d’Italia

Ho avuto occasione di conoscere il Comm.re Italo Cenatiempo per essere stato , assieme a lui e all’Avv. Mario Santoro originario di Alvito, membro di un Collegio Sindacale di una SPA di Formia operante nel settore industriale e commerciale del legno.

Ancora conservo un recipiente a forma di anfora regalatami da Italo Cenatiempo che si vantava spesso di aver conosciuto , quando era bambina , Sofia Loren il cui padre, originario di Pozzuoli, era stato socio della Vinolearia Centrosud di Formia.

Ricordo che nel suo ufficio era ritratto il pugile Primo Carnera utilizzato come “testimonial” per i prodotti dell’azienda vinicola di Formia.

Alcuni ricordi dei primi anni della mia vita lavorativa.

Raffaele Capolino

BENEDIZIONE DEL PORTONE DI BRONZO AL SANTUARIO DELLA MADONNA DI PONZA

BENEDIZIONE DEL PORTONE DI BRONZO AL SANTUARIO DELLA MADONNA DI PONZA

Giovedì 12 maggio , ore 19.00 sarà benedetto il portone della Chiesa della Madonna di Ponza a Formia, arredato da otto pannelli in bronzo realizzati da Gerardo De Meo, pittore e scultore formiano.

Quattro pannelli rappresentano:

  • L’ Annunciazione
  • La Natività
  • La Deposizione
  • L’ Incoronazione di Maria Vergine

Gli altri quattro pannelli riportano temi tratti dall’Enciclica di Papa Francesco ” LAUDATO SI’ “

Gerardo De Meo è anche l’autore della lunetta in terracotta realizzata diversi anni fa.

Tutto nasce dalla volontà di un apposito comitato locale rappresentato da Giovannino Bove e Filippo Centola.

Saranno presenti l’Arcivescovo Mons. Luigi Vari , Mons. Don Mariano Parisella, Giovannino Bove , Filippo Centola , Gerardo De Meo e la Prof.ssa Grazia Sotis che illustrerà l’intera opera .

Raffaele Capolino

PER GLI GIODICI ED UFFICIALI DELL’UNIVERSITÀ

PER GLI GIODICI ED UFFICIALI DELL’UNIVERSITÀ

                  ^^^^^

È qui che sedevano i Giudici e i rappresentanti ufficiali dell’Università di Castellonorato ?

Così è scolpito in questo meraviglioso arredo ligneo conservato nella Chiesa di S. Caterina di Castellonorato – Formia, con tanto di stemma dell’antico borgo.

Raffaele Capolino