DUE FAMOSI CALCIATORI A FORMIA

DUE FAMOSI CALCIATORI A FORMIA

Alcides Edgardo Ghiggia
Luis Vinicio de Menezes

– Ghiggia ( 1926 – 2015 )  era un calciatore uruguaiano che gioco’  nel Milan  e nella Roma dove ebbe occasione  di conoscere il nostro  Gino Purificato,  anch’egli in prima squadra romana.
Lo vediamo in una visita a Formia per incontrare Il suo amico Gino.

– Vinicio  ( classe 1932 ) era un calciatore brasiliano  del Botafogo acquistato dal Napoli ,  dove partecipò a numerosi campionati.
Successivamente giocò prima nel Lane Rossi Vicenza e poi nell’Inter.
Vinicio fu anche allenatore della Lazio.

Nel dopoguerra molte squadre di serie A  venivano  ospitate a  Formia , dove potevano allenarsi al Campo S.Pietro ( diventato poi Stadio Nicola Perrone) e giocare  partite amichevoli con la nostra squadra locale di calcio.

Nelle due foto, oltre a Gino Purificato e Tommaso Parasmo,  sono riconoscibili  altri personaggi formiani come Custodino Di Russo , Antonio Papa (proprietario e gestore del  “Ristorante La Quercia” )  ed altri ancora di cui non ricordo le generalità.

Le  storiche immagini di P. G. Sottoriva sono tratte dall’Archivio Storico di Formia.

Raffaele Capolino

I DUE PONTI FERROVIARI DI FORMIA-GAETA E DI SPINAZZOLA

I DUE PONTI FERROVIARI DI FORMIA-GAETA E DI SPINAZZOLA

Una pubblicità odierna, per i 70 anni di Vasco Rossi, mostra il cantautore che passeggia su un Ponte Ferroviario di Spinazzola a ventuno arcate.
Ponte che è del tutto simile al nostro viadotto ferroviario di Venticinque arcate tra Formia e Gaeta.

La conferma viene anche dall’anno di costruzione dei suddetti ponti, avvenuta, per entrambi, nel 1891 per cui è facile ipotizzare che siano stati ideati e fatti costruire da un medesimo architetto o ingegnere.

Entrambi sono stati costruiti per tratte ferroviarie con treni a vapore.

La nostra struttura fu restaurata nel dopoguerra nello stesso stile e forma originaria , ciò che la rende ancora più preziosa per il suo sviluppo semicircolare rispetto a quello lineare del Comune di Spinazzola nelle Murge Pugliesi.

I ponti facevano parte di due progetti ferroviari dei ” Reali Borbone ” del 1849 , ripresi dai “Reali Savoia ” trenta anni dopo l’Unita’ d’Italia avvenuta nel 1861.

Raffaele Capolino