I LANTERNINI DI S. MARIA LA NOCE – FORMIA

I LANTERNINI DI S. MARIA LA NOCE – FORMIA

Una grandiosa opera idraulica fatta realizzare dal Re delle Due Sicilie Ferdinando ll, non solo per la sua Real Villa Caposele ma anche per la Caserma militare nell’ex Convento degli Olivetani, per le derivazioni destinate al lavatoio pubblico di P. za S. Erasmo e a diverse fontane del borgo collinare nonché ad una fontana nuova da collocare a Marina di Castellone, come ci viene riferito da Pasquale Mattej.

La prima foto mostra, in modo schematico l’intero impianto di distribuzione delle acque , voluto da Ferdinando ll, subito dopo aver acquistato nel 1852 la Villa Caposele di Formia, già proprietà del Principe Carlo Ligny e prima ancora dei Marzano/Laudati.

Grazie ad amici che mi hanno supportato nelle ricerche, sono riuscito a rintracciare e fotografare otto strutture chiamate ” Lanternini” dai nostri avi e da Pasquale Mattej nella sua mappa del 1868 dal titolo:
L’antica e la moderna Formia.

In merito al Lanternino n. 4, è stato possibile individuare solo il luogo dove era situato, ma non la struttura che è andata distrutta dagli ultimi eventi bellici.
Gli altri sette sono tutti documentati con foto e particolare del numero scolpito nell’architrave.

I lanternini, che all’epoca dovevano essere non meno di trenta, hanno ancora una numerazione con partenza dal numero ” 1″ apposto sul grande Lanternino a pochi metri dalla Chiesa di S. Maria La Noce.

Ancora oggi, i primi tre elementi di questo straordinario impianto di distribuzione di acque potabili, sono perfettamente funzionanti.

Un altro importante particolare è emerso quando mi sono reso conto che tra i Lanternini n. 5 e n.6 , non poteva mai esserci una ricarica per caduta, trovandosi il secondo su una quota più alta.

In pratica la struttura contrassegnata dal n. 6 era alimentata da un’altra più copiosa sorgente. Questo elemento è collocato su una grande cisterna in muratura con funzione di stoccaggio. Struttura che , nell’ultima guerra, divenne anche rifugio e abitazione per diverse decine di famiglie.

Pertanto il successivo lanternino n. 7 riceveva il flusso di due diverse sorgenti attraverso gli elementi n. 5 e n. 6.

Tre curiosità.
1)Tutti i Lanternini hanno nella parte più alta quattro cubi di pietra con lati di cm 30 e con un foro centrale di aerazione di quattro centimetri di diametro.
2) Tutte le strutture sono dotate di vani di decantazione.
3) Le staffe di ferro degli infissi di legno sono fissate con piombo fuso nella cornice di pietra calcarea.

Sulla strada che dalla Chiesa di S. Maria La Noce porta a valle, sono evidenti le tracce di tre grandi porzioni di condotte murarie a piano di campagna. (ved. prima foto)

Tutte le strutture idrauliche erano ispezionabili e collegate tra loro con condotte murarie, ciò che rende davvero imponente l’opera complessiva.

Come già riferito in altre occasioni, i Lanternini, servivano sia da sfiatatoi sia da riduttori della velocità delle acque.
Inoltre erano strutture di decantazione e purificazione delle acque sorgive che, da quota 250 mt , erano destinate a diverse fontane pubbliche di Castellone, alle due fontane ornamentali della Villa Reale e ai due Ninfei Romani che si trovano quasi a livello del mare di Marina di Caposele.

Con buona certezza fu l’architetto Giacomo Guarinelli, un ufficiale del Genio Militare Borbonico, a progettare e a condurre i lavori di quest’opera che ha funzionato fino all’ultimo conflitto mondiale.
Lo stesso architetto si prese cura del restauro di buona parte dei resti archeologici all’interno della Real Villa Ferdinandea del Caposele di Formia.

È infine probabile che questo sistema di canalizzazione borbonica abbia ricalcato quella romana per il rifornimento idrico del
Cisternone Romano di Castellone.

Raffaele Capolino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...