LA CHIESA DI S.GIOVANNI BATTISTA A FORMIA

LA CHIESA DI S.GIOVANNI BATTISTA A FORMIA

Questa Chiesa sostituì nel dopoguerra le antiche Chiese dei SS.Lorenzo e Giovanni poste in Via Abate Tosti nei pressi della Torre di Mola .
Le due chiese erano contigue , ma separate da un muro che fu abbattuto nell’ottocento dando vita così ad un’unica Chiesa a due navate , unico campanile e unico portico.

La Storia delle due Chiese è la seguente e spero serva a chiarire molti dubbi e dicerie popolane in merito.

In realtà la Chiesa originaria fu quella di “S.Lorenzo in Arcatura ” , Patrono del quartiere di Mola che viene fatta risalire al IV secolo, posizionata vicino alle Terme romane.
Una Confraternita in onore di S.Giovanni Battista , all’interno dello stesso Tempio religioso , fu autorizzata da Papa Leone X , nel 1516 a costruire , proprio a fianco della Chiesa di S.Lorenzo , una nuova Chiesa dedicata a S.Giovanni Battista .
I devoti di quest’ultimo Santo furono tanti che il 23 giugno del 1704, alcuni rappresentanti del popolo di Mola, con atto del Notaio Sebastiano Laracca, proclamarono S.Giovanni Battista “Capo e Patrono ” di Mola, per cui l’originaria Chiesa di S. Lorenzo divenne Chiesa dei Santi Lorenzo e Giovanni , entrambi protettori di Mola, e fu in quel momento che fu abbattuto il muro divisorio tra le due Chiese.

Fin dal 1930 , su progetto di Gustavo Giovannoni e su terreno offerto da Giuseppe Rubino , iniziò la costruzione del Tempio dedicato e destinato esclusivamente a S.Giovanni Battista.
Purtroppo gli eventi bellici distrussero la vecchia Chiesa di Via Abate Tosti e arrestarono i lavori in corso per la nuova sede che furono ripresi nel dopoguerra nel 1948 con l’arch Giovanni Zander che modificò l’originario impianto e lo stile architettonico proposto dall’arch romano Gustavo Giovannoni. I lavori furono completati nel 1953.

Con l’avvenuto capovolgimento delle situazioni storiche, l’edificio sacro dedicato a S.Giovanni Battista ospito’ e accolse il Santo Lorenzo e i suoi devoti.
S.Giovanni Battista fu poi proclamato assieme a S.Erasmo , Co-Patrono di Formia.

Solo recentemente il nuovo Tempio, luogo di culto cattolico del quartiere Mola di Formia, è chiamato , nel rispetto della storia :Chiesa dei Santi Lorenzo e Giovanni Battista.

Gustavo Giovannoni fu anche l’architetto che progettò e diresse i lavori di Villa Torlonia , nel 1913 a Vindicio , divenuta poi Villa Leonetti-Villa Laura e poi ancora Villa Maria Teresa. Giovannoni fu inoltre progettista del primo piano regolatore di Formia nel dopoguerra.

La prima foto ci mostra il progetto originario del Giovannoni, la seconda foto il risultato finale e attuale , con il subentro di Zander.

Raffaele Capolino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...