GIOVANNI CICCONE ( 1923 – 2002 ) Artista Formiano

GIOVANNI CICCONE ( 1923 – 2002 )
Artista Formiano


Una sua breve biografia.

Formiano di nascita e di vita.

Compì gli studi classici e teologici a Salerno e a Viterbo.

Fin dal 1955 fu Professore incaricato e abilitato all’insegnamento del disegno in scuole medie e superiori.

Fino al 1965 insegnò come professore di ruolo di educazione artistica anche nelle scuole medie , per le quali consegui’ il titolo ordinario nel 1969.

Raggiunse, nel 1972, il ruolo a cattedra di docente di disegno e storia dell’arte per il licei scientifici e istituti magistrali.

Assegnato ad un istituto di Benevento, preferì rimanere nella Scuola Media Marco Vitruvio Pollione di Formia fino al pensionamento avvenuto nel 1988.

Per la “sua Formia” , già nel 1952 partecipò alla creazione dell’associazione sportiva per pallacanestro e scherma “Mola Sport” , passata poi alla società Fabiani.

Nel 1963 fu tra i soci fondatori della “Associazione Artisti Pasquale Mattej, nel 1973 della Sede di Formia dell’Archeoclub d’Italia e nel 1978 della “Associazione Centro Studi Archeologici P.Mattej”

Ha scritto su Formia numerosi saggi a contenuto storico-archeologico su Gazzetta di Gaeta (1976) , Guida Formia Archeologica (1977) , Rivista Formia Turismo ( 1989-91) , nei volumi del Lunario Romano (1996, 1997,1998) e fu componente per diversi anni del Comitato per i festeggiamenti in onore di S.Giovanni Battista.

Negli ultimi anni si dedicò maggiormente alle tecniche di riproduzione grafica.

I suoi disegni sono serviti ad impreziosire il Dizionario del dialetto Formiano, scritto da Giovanni Bove e Giuseppe Centola nel dicembre del 2003 , quando già era scomparso , pianto dalla sua consorte Vanda Morucci, e dal suo unico figlio Salvatore, mio grande amico architetto e uno dei massimi esperti della storia del territorio e dei monumenti di Formia.

“Di carattere timido e modesto – come scrive suo figlio Salvatore – raramente esponeva le sue opere anteponendo l’interesse verso la sua famiglia e il suo lavoro di educatore e preferendo coltivare l’arte in un segreto dialogo interiore” .

Io posso dire con orgoglio di avere avuto , per diversi anni, la possibilità di conoscerlo e godere della sua amicizia.

Dalle sue opere , molte pubblicate da me nei giorni scorsi, viene fuori tutto il suo amore per i luoghi che lo hanno visto nascere e verso i quali ha riversato tutta la sua passione artistica.

Giovanni Ciccone è stato un esempio perfetto di ” cittadino innamorato di Formia”.

(cliccare una sola volta sulla prima foto per leggere le due didascalie )

Raffaele Capolino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...