PASQUALE MATTEJ SUL POLIORAMA PITTORESCO DESCRIVE UN SUO DISEGNO E LA SUA FORMIA

PASQUALE MATTEJ SUL POLIORAMA PITTORESCO DESCRIVE UN SUO DISEGNO E LA SUA FORMIAfb_img_1487532881464
Le sue ultime volontà rimaste inevase dal popolo di Formia

=========

” Il disegno che qui vede il lettore, e che dal vero io lo ritrassi, indica quella parte che precisamente spiaggia di Mola si chiama.
La moltitudine delle barchette da pesca sparse qua e là sul mare , il vasto ridentissimo orizzonte, le abbondanti e freschissime acque in cui le vaghe paesane succinte, e disinvolte imbianchiscono i loro panni da far invidia alla neve istessa, e la vaga prospettiva de’ contorni pittoreschi si grato spettacolo ti offrono da farti dimenticare fino i più deliziosi ed ameni siti della metropoli.

Fecero dimora in essa i nostri Augusti Monarchi ed anche stranieri, i quali ancorché questi ausati alle più raffinate delizie , restarono sorpresi da tante bellezze , che in un piccolo tratto si comprendono.

Affabili e cortesi sono gli abitanti, d’indole pieghevole, e di dolci costumi; le donne pregiansi per la loro venusta’ , gentilezza ed estrema affabilità.

I forestieri a folla accorrono a godersi di tante svariate e pure delizie, che un tempo formavano la maggiore attrattiva per tanti illustri romani, che vi possedevano ville amenissime, e magnifici palagi ed edifici, di cui al presente le vestigia si additano agli eruditi , e curiosi viaggiatori.

Pasquale Mattey

===========

Una narrazione di chi ha amato la sua Formia fino ad esprimere le sue ultime volontà affinché vi venisse sepolto:

Queste le sue ultime disposizioni testamentarie:

” Io chiudo gli occhi alla vita nella lusinga che i miei concittadini di Formia reclameranno il mio corpo per allogarlo in un cantuccio del loro camposanto, tra i miei cari parenti “.

Cosa che non si è ancora realizzata .

Se ne occupo’ solo l’amministrazione Pasquale Sorreca (sindaco di Formia dal 1898 al 1905) con incarico al Cavaliere e consigliere comunale Mario Nucci che riusci’ ad aprire una trattativa con il Comune di Napoli per il ritorno delle spoglie mortali a Formia .

Ma qualcosa non andò per il verso giusto per cui è un discorso che andrebbe riaperto per rispettare, seppure con ritardo, gli ultimi desideri di questo nostro Grande e Illustre Concittadino.

Ultimo particolare è che i suoi articoli sul Poliorama Pittoresco sono spesso firmati Mattey, come in questo caso, e su alcuni dei suoi disegni capita di trovare la sua firma come Mattei , il cognome dei suoi avi .

Ma sappiamo che agli atti fu registrato: Mattej , come suo padre il Barone Simone Mattej , e così preferiva che fosse scritto il suo cognome.

Raffaele Capolino

Fonti bibliografiche:
Poliorama Pittoresco
G. Ottaviani : Pasquale Mattej – Caramanica Editore 2006
G. Bove : Castellone e Mola – Graficart – Formia 2012

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...